Aceto di mele per dimagrire

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Come è possibile dimagrire con l’aceto di mele?

Aceto di mele per dimagrire

Si può dimagrire con l’aceto di mele? Tra i tanti fattori da considerare quando si parla dell’aceto di mele, è che questo è un ottimo ingrediente per combattere il grasso corporeo. Ha la particolarità di accelerare il metabolismo aiutando così a dimagrire.

Innanzitutto bisogna dire che è opportuno scegliere il prodotto giusto. Non è facile trovare in commercio il vero aceto di mele al naturale proprio perchè, con il passare del tempo, e per questioni estetiche, si tende sempre più a filtrare la “madre” dell’aceto, ossia la parte più spugnosa e meno invitante, dove però si concentrano tutti gli ingredienti più preziosi, incluse le vitamine B e C.

Quello ideale è l’aceto biologico certificato che, se da una parte ha lo svantaggio di costare di più, dall’altra è sicuramente un prodotto di qualità che non contiene conservanti o sostanze chimiche aggiunte.

L’aceto di mele è un prodotto naturale in grado di migliorare l’attività intestinale, sciogliere i grassi, abbassare il livello di zuccheri nel sangue, etc. Bere un bicchiere di aceto di mele con un’aggiunta di acqua, prima dei pasti, aiuta a diminuire la sensazione di fame prima di ogni pasto.

Questo tipo di dimagrimento non fa miracoli, è un processo piuttosto lungo, e sicuramente non rapido come altre diete, ma che non comporta grossi sacrifici.

La dose generalmente consigliata è di due cucchiai di aceto di mele al giorno in un bicchiere d’acqua, ma, in ogni caso, si consiglia sempre di consultare il proprio medico. Esistono sostanzialmente due scuole di pensiero su questo argomento: per alcuni aiuta a bruciare le calorie e quindi riduce l’appetito, per altri accelera semplicemente il metabolismo.

I suoi benefici sono strettamente collegati ad un ingrediente: la pectina. Questa è una sostanza che prolunga il senso di sazietà, si deposita sulle pareti dello stomaco rallentandone lo svuotamento ed il relativo assorbimento di zuccheri. La pectina, insieme agli acidi biliari, riesce a limitare il rilascio di grassi nell’organismo, e questo è un ottimo vantaggio anche per chi soffre di colesterolo alto.

In sostanza, è un sistema molto antico ma garantito per una perdita di peso duratura.

Cos’è l’aceto di mele?

Aceto di mele per dimagrire2

L’aceto di mele è stato definito “la medicina per tutto”. È un integratore naturale, un prodotto che può esser fatto anche a casa e che deriva dalla fermentazione del succo di mele. Ha un colore tendenzialmente rosato, simile al sidro, e molto meno intenso rispetto all’aceto rosso.

Anche il suo sapore, pur essendo agro, è molto delicato, e questo consente addirittura di poterlo gustare da solo. Proprio per la sua delicatezza, è adatto ad esaltare il sapore delle pietanze cui viene associato.

Aceto di mele fatto in casa, come fare?

L’aceto di mele può essere preparato in casa.

A tal fine bisogna procurarsi:

  • un’acetiera in legno o in vetro, ossia un recipiente ampio con un rubinetto,necessario per la fermentazione
  • ed una centrifuga o frullatore.

Lavare bene le mele, anche con bicarbonato, togliere il picciolo, tagliarle in piccoli tocchetti, versarli nella centrifuga, centrifugare ed estrarre tutto il succo di polpa ottenuto filtrato e versarlo nell’acetiera.

Chiudere il tappo, ma non in modo ermetico poiché l’ossigeno è indispensabile per l’acidificazione. Riporre il tutto in luogo buio e fresco, senza sbalzi di temperatura. Attendere alcuni mesi prima che la fermentazione e l’acidificazione giungano a completamento.

Cosa contiene l’aceto di mele?

La saggezza popolare cita: “una mela al giorno toglie il medico di torno!”

Questa affermazione è stata confermata da alcune ricerche scientifiche in base alle quali le mele sono ricche di:

  • oligoelementi (magnesio, ferro e rame)
  • vitamine (soprattutto vitamina A e C)
  • sali minerali (fosforo, magnesio, calcio, potassio, sodio e zolfo)
  • pectina (che funziona quale disintossicante dell’organismo)

Queste sostanze, così tanto importanti, sono contenute in ogni parte della mela, dal torsolo, alla buccia, e, soprattutto, nell’aceto di mele, dove sono ancora più concentrate.

Caratteristiche dell’Aceto di Mele

  1. Stimola il metabolismo e quindi aiuta a mantenere un giusto peso-forma attenuando il desiderio di dolce;
  2. attiva le difese immunitarie eliminando batteri e micro-organismi;
  3. stimola la circolazione;
  4. tende a diminuire il gonfiore addominale ed i problemi digestivi potenziando la produzione di saliva ed enzimi digestivi;
  5. è molto utilizzato nella cosmesi: applicato sui capelli, limita la produzione di forfora e di prurito e ne migliora la lucidità; rende i denti più resistenti alle carie; ridona alla pelle il giusto pH, rendendola più elastica.
  6. è un ottimo dissentante, rimineralizzante e riequilibrante idrico. Può essere assunto sia dagli adulti che dai bambini, dato che favorisce l’assorbimento dei sali minerali, e soprattutto del ferro.
  7. aiuta a riattivare la circolazione e quindi ad eliminare i cuscinetti di grasso.

Insomma, l’aceto di mele ha mille qualità, e tra queste anche quella di far perdere peso.

Dove trovarlo e come assumerlo

Aceto di mele per dimagrire3

L’aceto di mele può essere trovato nelle erboristerie o anche in alcuni supermercati. È disponibile sia in formato liquido da diluire, sia in capsule.

  •  mescolare 1-2 cucchiai di aceto in un bicchiere d’acqua oppure nella camomilla. Per dargli un sapore più gradevole, è possibile aggiungere dello zucchero grezzo, oppure della cannella in polvere, non zuccherata, che aiuta a perdere peso e riduce il colesterolo;
  • Assumerlo due volte al giorno, 30 minuti prima di ogni pasto principale;
  • Abbinare un’attività fisica regolare almeno due volte a settimana;
  • Cercare di bere più acqua possibile, per favorire il processo di dimagrimento.

Effetti collaterali

Pur essendo un rimedio naturale, bisogna assumerlo con consapevolezza, e conoscerne i rischi connessi e le relative controindicazioni. Può innanzitutto avere degli effetti negativi sulle pareti gastriche, e pertanto non bisogna assolutamente eccedere nelle quantità. Un uso eccessivo potrebbe addirittura danneggiare l’esofago ed il tratto digerente.

Non utilizzarlo in caso di ulcera perchè, data la forte acidità dell’aceto, questo potrebbe ulteriormente irritare la mucosa dello stomaco. Meglio diluirlo poiché potrebbe erodere lo smalto dei denti. Può far scaturire reazioni allergiche come problemi respiratori, orticaria e eruzioni cutanee. Ulteriori effetti collaterali possono essere bruciori di stomaco, nausea e problemi digestivi.

In ogni caso, e soprattutto se si assumono altri farmaci, ad esempio per la cura della tiroide o per il diabete, consultare sempre il proprio medico.

Ti piace? Condividi l'articolo.

Nessun Commento

Agiungi il tuo


9 − = quattro