Dieta del Minestrone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

La Dieta del Minestrone

dieta del minestrone

La dieta del minestrone nasce negli Stati Uniti d’America grazie ad un cardiochirurgo del Sacred Memorial Hospital di St. Louis il quale necessitava di una drastica riduzione di peso per alcuni pazienti obesi che dovevano sottoporsi ad un intervento chirurgico al cuore. E’ successivamente diventata un tormentone proprio grazie alla sua capacità di far perdere peso in un lasso di tempo molto ristretto.

Caratteristiche

La dieta del minestrone è una dieta a tema ossia, come è facile intuire, concentrata su un unico alimento: il minestrone.

È una dieta efficace per chi vuole sgonfiarsi e depurarsi in pochi giorni oppure disintossicarsi da un periodo di grandi abbuffate, quale ad esempio il periodo natalizio. Il minestrone è sicuramente un piatto invernale, in questo periodo è sempre un piacere mangiare un bel piatto caldo, ma può essere preparato anche d’estate e poi messo a raffreddare in frigo per poi essere consumato come una zuppa fredda.

E’ importante ricordare che questa è una dieta adatta esclusivamente a coloro i quali sono in sovrappeso di almeno 7-8 kg, è ipoproteica, e quindi non equilibrata. Questo significa che è una dieta che può essere seguita per 7 giorni con la possibilità di prolungarla per un’ulteriore settimana ma non oltre per evitare una perdita non di grasso ma di muscoli ed un rallentamento del metabolismo ed è proprio per questi fattori che è opportuno aspettare almeno tre mesi prima di ricominciare con una nuova settimana a base di minestrone.

dieta del minestrone3

È una dieta che si basa sull’eliminazione dal proprio regime alimentare di pane, pasta e riso in modo da costringere il proprio corpo a prelevare energia dai grassi in deposito.

Proprio grazie alle caratteristiche dimagranti e disintossicanti del minestrone, questa dieta aiuta a purificare il proprio organismo fornendo uno stato di benessere e una pelle più luminosa, ma può anche provocare fastidi più o meno intensi quali ad esempio mal di testa, debolezza, dolori alle articolazioni o diuresi abbondante.

Tutto ciò non deve assolutamente allarmare perchè sono tutti fastidi connessi alla disintossicazione ed è per questo che generalmente si consiglia di iniziare questa dieta durante il weekend quando si è più tranquilli e rilassati.

Con questa dieta si consuma quindi quasi esclusivamente il minestrone, a pranzo e a cena ed ogni qual volta se ne ha la necessità dato che non apporta calorie. Ovviamente non si tratta di un minestrone qualsiasi ma di uno preparato solo con verdure aventi un alto contenuto di sali minerali e vitamine (ad esempio pomodori, cipolla, carote, porri e sedano).

Bisogna stare molto attenti nella preparazione del minestrone cercando di evitare patate e legumi, la cui presenza può non portare i risultati sperati e non farci apprezzare la rapida diminuzione di peso, tipica di questa dieta. Sono banditi tutti gli altri alimenti ad eccezione della frutta che può invece essere consumata durante la giornata, ad eccezione delle banane, uva e fichi, che invece apportano calorie aggiuntive. Il segreto consiste proprio nel consumare più calorie di quelle ingerite riuscendo a perdere circa 6-7 chili in due settimane.

Come tutte le diete presenta quindi punti di forza ma anche molte debolezze. Se da un lato è depurativa ed altamente efficace, dall’altro lato può causare problemi muscolari data la totale assenza di proteine. Bisogna inoltre considerare che è un regime alimentare che sicuramente aiuta a far perdere peso in maniera rapida ma la maggior parte è acqua che al termine della dieta viene facilmente riassorbita, ed è quindi opportuno, al termine della dieta, reintrodurre tutti gli alimenti in maniera progressiva per evitare di ritornare subito al peso di partenza.
La dieta del minestrone è assolutamente sconsigliata in caso di diabete e problemi renali, nel qual caso è bene consultare il proprio medico prima di intraprendere un tale regime alimentare.

Come funziona?

dieta del minestrone2

  • 7 giorni a base di minestrone di verdura, tè, succhi di frutta non zuccherati e frutta.
  • Dal quarto giorno si aggiunge latte o yogurt scremato.
  • Dal quinto giorno carne di manzo e dal settimo è possibile integrare con un pò di riso integrale.

Sicuramente l’abbinamento di un’attività fisica che consenta la riattivazione del metabolismo può rendere ancora più efficace questa dieta ma si consiglia un allenamento moderato ossia una corsa leggera, bicicletta, nuoto (almeno tre volte a settimana) oppure una passeggiata di 30 minuti (tutti i giorni) dato che in questa fase il corpo non può sopportare sforzi eccessivi.
È assolutamente necessario bere molta acqua, almeno 1,5 litri, per aiutare il proprio corpo ad eliminare le tossine.

Per verificare il reale funzionamento di questa dieta bisogna pesarsi il giorno in cui si inizia la dieta e poi il quarto giorno ma sempre alla stessa ora: se la bilancia segna una diminuzione di 2-3 chili vuol dire che la dieta è eseguita in maniera corretta; se la bilancia segna una diminuzione di peso inferiore ai 2 chili vuol dire che ci sono stati troppi “sgarri” oppure un condimento eccessivo, ad esempio un uso spropositato dell’olio per dare maggior sapore al minestrone; se invece la bilancia segna una diminuzione di peso superiore ai 3 chili bisogna incrementare leggermente l’apporto energetico per non incorrere in fastidiosi disturbi.

dieta del minestrone4

La dieta del minestrone è dunque ideale in situazioni di emergenza in cui si ha bisogno di apparire più snelli ma sicuramente non rappresenta l’emblema di un corretto regime alimentare. E’ una dieta difficile da seguire se non si ha una forte motivazione. Il motivo che ci spinge ad intraprendere una tale dieta è sicuramente la chiave di successo della dieta stessa!

Ti piace? Condividi l'articolo.

Nessun Commento

Agiungi il tuo


uno × 4 =