Dieta del riso

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Cos’è la dieta del riso?

DIETA DEL RISO3

La dieta del riso è stata creata da un medico tedesco, Walter Kempner. Inizialmente era indirizzata a soggetti con gravi problemi di obesità, ma subito dopo si è rivelata molto efficace anche per i soggetti con problemi di ipertensione e diabete, e per tutti coloro i quali avevano la necessità di perdere qualche chilo soprattutto per snellire e appiattire la pancia. La dieta del riso è a media-lunga durata, con la quale è possibile perdere fino a 7-8 kg in pochi mesi.

Soprattutto nell’ultimo periodo in cui la carne sembra costare eccessivamente, molte famiglie stanno riscoprendo questo regime alimentare.

La dieta del riso può essere scomposta in due fasi. Durante la prima fase, detta di disintossicazione, è possibile assumere fino ad un massimo di 800-900 calorie al giorno. Gli unici alimenti consentiti sono il riso, ancora meglio se integrale, e la frutta.

Il tutto può essere condito solo con pochissimo sale e qualche cucchiaino di olio di oliva.

Questa prima fase, che,  proprio per il suo essere così restrittiva, non può durare più di 2-3 settimane, aiuta a perdere liquidi e sgonfiare e quindi ad ottenere un consistente calo di peso.

Durante la seconda fase invece, è possibile assumere circa 1200 calorie al giorno, è possibile inserire gradualmente altri alimenti quali ad esempio verdure ed altri carboidrati, per un paio di volte a settimana. Una volta a settimana può essere inserito il pesce. Anche qui possiamo condire solo con pochissimo sale e un goccio di olio di oliva. In questa fase è dunque tutto più bilanciato e può durare anche più a lungo.

Esiste anche una seconda variante della dieta del riso in cui è possibile individuare tre fasi, in ognuna delle quali è possibile consumare un unico alimento, per una durata totale di 9 giorni. É una variante molto restrittiva e difficile da rispettare con la quale è possibile dimagrire fino a 5kg.

Durante i primi tre giorni è possibile consumare solo riso, meglio se integrale, oppure altri prodotti a base di riso, nelle quantità desiderate, ma senza alcun tipo di condimento o contorno. Nei successivi tre giorni è possibile mangiare solo pollo alla griglia o al forno, senza condimento, ma nelle quantità desiderate. Infine, gli ultimi tre giorni, sono a base di mele, cotte o crude, in qualsiasi quantità, cui possiamo aggiungere caffè e the senza zucchero, e tanta acqua.

Caratteristiche del riso

DIETA DEL RISO2

  • è un alimento altamente digeribile;
  • è ricco di amidi (circa il 75%) che apportano energia per molte ore;
  •  è ricco di minerali, quali ad esempio il calcio, ferro ed il fosforo, e vitamine (PP, B1 e B2) che garantiscono un buon funzionamento metabolico;
  • non contiene grassi;
  • è ricco di fibre,
  • è ricco di potassio ma povero di sodio e quindi riesce a stimolare la diuresi e purificare il corpo
  • assorbe l’acidità gastrica, regolando il funzionamento dell’intestino e, conseguentemente, riduce il gonfiore addominale;
  • è un antidepressivo naturale, fattore importante in fase di dieta poiché riesce a tenere alto il buon umore;
  •  è altamente consigliato in casi di diarrea, intossicazioni alimentari, disturbi renali e cardiaci, ipertensione, sovrappeso, affaticamento e astenia.
  • È un alimento con altissime qualità dietetiche: ha un elevato potere saziante grazie al suo contenuto di amidi e zuccheri che obbligano il nostro organismo ad avviare un processo di digestione elaborato, richiedendo l’intervento di molti enzimi, e tutto questo prolunga la sensazione di fame; ha un ottimo rapporto quantità/calorie (circa 300 calorie ogni 100 grammi)

Il riso triplica

DIETA DEL RISO

Il riso è un cereale costituito dalla cariosside della Oryza sativa, pianta erbacea appartenente alla famiglia delle graminacee. E’ un elemento alla base dell’alimentazione di molte popolazioni, e solo in Italia ne esistono circa 50 tipologie diverse per la loro dimensione, piccola o grande, per il formato, chicchi corti o lunghi, oppure per il contenuto in termini di glutinoso, parboiled, etc.

In Giappone ed in Cina apporta circa la metà delle calorie giornaliere.

Rispetto alla pasta, il riso presenta molteplici vantaggi, soprattutto quello integrale, essendo sottoposto ad una lavorazione inferiore.

Tra tutti bisogna annoverare: il suo maggior quantitativo di amido, e l’ assorbimento di un grande quantitativo di acqua durante la cottura, fino a triplicare il peso, e proprio per questo, è meno calorico e molto più saziante; è il cereale con il più basso potenziale allergenico; ha un indice glicemico più basso, e quindi può essere utilizzato anche da soggetti con diabete. Il riso ha lo stesso potere energetico della pasta, ma sazia di più, quindi con soli 50 grammi si ottiene una porzione sufficiente con un bassissimo apporto calorico.

Preparazione del riso

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il riso può essere preparato in mille modi diversi e questo rende sicuramente più stimolante la nostra dieta proprio perchè sembrerà di mangiare sempre cose diverse, ma in realtà parliamo sempre di riso!

  • Riso bollito: ha la caratteristica di essere molto leggero e può essere condito solo con un pò d’olio o con erbe aromatiche per dargli un sapore diverso;
  • Risotto: l’ideale è condirlo con le verdure, cercando di evitare di soffriggere gli ingredienti;
  • Riso basmati: può essere una valida alternativa all’uso del pane e può affiancare la carne, il pesce ed i formaggi.

In ogni caso si consiglia di usare poco sale e di lasciare ampio spazio a spezie ed aromi per insaporire: aceto, prezzemolo, basilico, rosmarino, aglio, zafferano, salvia, cannella, etc.

Regole fondamentali

  • meglio usare il riso integrale perchè sazia di più;
  • cuocere al vapore, al forno ma senza aggiunta di grassi;
  • le quantità sono a piacere ma l’ideale è una porzione da 50 grammi di riso per ogni pasto;
  • usare olio extravergine d’oliva;
  • la frutta può essere consumata per i nostri spuntini e non necessariamente durante i pasti principali;
  • bere almeno 1 litro e1/2 di acqua al giorno per favorire la diuresi e la disintossicazione;
  • evitare l’uso di bibite gassate e dolci, inclusi i succhi di frutta;
  • evitare l’uso di superalcolici e preferire il vino bianco o rosso considerando però che 1 bicchiere da 125ml apporterà un incremento energetico pari a circa 100Kcal.

Ti piace? Condividi l'articolo.

Nessun Commento

Agiungi il tuo


− 5 = tre