Dieta dello Yogurt

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Dieta dello yogurt

L’apprezzamento delle proprietà salutari dello yogurt, il cui termine deriva dal verbo turco “yogurtmak “che significa mescolare, sono state evidenziate già in tempi molto lontani, soprattutto dai popoli balcanici e dell’Asia Minore. Soltanto all’inizio del XX secolo, grazie al biologo russo Elia Metchnikoff, ricercatore presso l’Istituto Pasteur di Parigi, le qualità dello yogurt vengono studiate scientificamente.

Proprio per questi studi, il biologo russo vinse il premio Nobel, notando che le popolazioni caucasiche erano più longeve ed in buona salute anche grazie alla costante assunzione di yogurt e kefir, prodotti con latte fermentato.

Caratteristiche dello yogurt

  • Lo yogurt svolge innanzitutto un’azione regolatrice e protettrice della flora batterica intestinale. È un alimento probiotico che rinforza la flora batterica dell’intestino e attiva il sistema immunitario. In questo modo è possibile prevenire malattie infettive, oppure non scatenare reazioni particolari nei confronti di taluni cibi di per sé innocui.
  •  E’ molto più digeribile e tollerato rispetto al latte. Contiene naturalmente lattasi, è ciò lo rende una valida alternativa per quanti non riescono a tollerare altri prodotti lattiero-caseari.
  • Grazie ai batteri in esso contenuti, si ha un elevato contenuto vitaminico soprattutto del complesso B.
  • Proprio grazie alla facilità di assimilazione e digeribilità, è particolarmente adatto ai bambini ed agli anziani.
  • Aiuta a normalizzare la funzionalità dell’intestino, e quindi può essere utilizzato dopo terapie a base di antibiotici.
  •  L’acido lattico migliora la capacità di assorbimento dei minerali, fra cui il calcio, di cui lo yogurt è ricco.
  • Aiuta a mantenere un sorriso smagliante: non provoca carie, non rovina lo smalto dei denti e protegge le gengive

Accanto a tutti questi fattori positivi dello yogurt, vi è anche quello connesso alla sua facile applicazione in un regime alimentare dietetico, grazie al suo basso contenuto calorico.

Funzionamento dieta dello yogurt

Dieta dello yogurt2

La dieta dello yogurt, come per molte altre diete mono-alimento, ruota intorno alla composizione chimica di un solo prodotto. Mira innanzitutto ad un miglioramento dal punto di vista estetico: migliora l’aspetto della pelle, riduce il gonfiore addominale, regola l’attività intestinale e consente una perdita di peso rapida.

Alcuni studi condotti da alcuni ricercatori americani dell’Università di Tennessee di Knoxville, hanno dimostrato che nella dieta dello yogurt, mangiando tre porzioni al giorno, il campione analizzato ha perso il 22% di peso ed il 61% del peso corporeo in più rispetto ad un campione che invece aveva soltanto ridotto le calorie. Hanno inoltre evidenziato che, chi segue un tale regime alimentare, perde più chili ed è in grado di difendere la propria massa muscolare magra, fondamentale per un corretto funzionamento del proprio metabolismo.

Esistono svariate versioni di questo regime alimentare, ma in tutti i casi parliamo di una perdita di peso tra i 2 e i 5 chili, in un lasso di tempo che oscilla dai tre ai sette giorni. In tutte le versioni esistenti di questa dieta, molte delle quali disponibili online, è sempre prevista una colazione a base di yogurt con del tè oppure caffè, ovviamente senza zucchero, spuntini a base di yogurt e frutta, pranzo a base di yogurt ed una piccolissima quantità di cereali integrali o altri carboidrati, ed infine la cena a base di proteine, pesce o pollo, con un contorno di verdura e della frutta.

Il segreto è quello di consumare un vasetto di yogurt al naturale più volte al giorno, volendo con un’aggiunta di frutta fresca. Si potrebbero consumare fino a 10-12 tazze di yogurt al giorno. Lo yogurt magro al naturale ha soltanto 36 calorie per ogni 100 grammi, mentre quello intero ne ha 64. Le calorie giornaliere che possono essere complessivamente assunte per le donne sono pari a 1400, mentre per gli uomini salgono a 1800.

Non è consentito lo yogurt con un alto contenuto di grassi. Allo yogurt possiamo abbinare soltanto riso integrale, cereali, pesce e verdura. Evitare i condimenti, fatta eccezione per l’olio d’oliva crudo. Volendo, al posto della consueta maionese, è possibile utilizzare dello yogurt light come condimento.

È considerata una dieta d’urto perché consente un rapido dimagrimento, ma sicuramente non è bilanciata e per questo non può essere seguita per più di una settimana. Il più grande difetto di questa dieta è quello di avere una forte carenza in termini di nutrienti fondamentali, come ad esempio i carboidrati che apportano l’energia necessaria al corpo umano.

È una dieta che richiede una grande forza di volontà e non è adatta a chi ha come obiettivo un dimagrimento sano e duraturo. Generalmente il peso perso con questo tipo di regime alimentare, viene facilmente recuperato, non appena si ricomincia a mangiare regolarmente. D’altro canto però è pur vero che un tipo di dieta come questo può essere di grande aiuto dopo periodi di grandi abbuffate, quale ad esempio il periodo di Natale o di Pasqua, perché aiuta a depurare l’organismo.

Giornata tipo

Dieta dello yogurt3

Rispettando tutte le regole di cui sopra, è dunque possibile stilare diversi schemi da seguire durante il periodo di restrizione alimentare.
A titolo puramente esemplificativo forniamo uno schema indicativo da adeguare alle proprie esigenze:

Colazione: 125 grammi di yogurt magro – caffè o tè senza zucchero – 2 fette biscottate.
Spuntino: un frutto.
Pranzo: 150g di minestrone con verdure oppure 60g di pasta con pomodoro o legumi.
Merenda: un frutto e 2 crackers.
Cena: 100g di pesce o pollo alla griglia, 200g di verdure miste al vapore oppure insalata, 50g di pane e 125g di yogurt.
Come in tutti i casi di diete alimentari, qualunque sia la tipologia di regime scelto, prima di iniziare,
si consiglia sempre un consulto con il proprio medico.

Ti piace? Condividi l'articolo.

Nessun Commento

Agiungi il tuo


5 + sette =